Buone notizie

di Teresa Rettig

Mentre la popolazione mondiale è chiusa in casa per via dell’emergenza Covid19 e i giornali e i telegiornali ci bombardano giorno dopo giorno di notizie, di numeri, di conta delle vittime, io mi sento sempre più in ansia e angosciata, tanto che ho deciso di non guardarli più, i TG e non leggerle più, le notizie.

Anche su Facebook si leggono tante notizie, spesso preoccupanti, spesso fake. Cerco di ignorarle, ma se le vedo controllo sempre che siano vere. L’ultima che ho letto, che mi è arrivata per altri canali, è quella che riguarda la possibile trasmissione per via aerea del virus. Alla fine le notizie non riportavano esattamente ciò che affermava l’OMS nella sua pubblicazione originale e suonava dunque molto più allarmante di quanto in realtà non fosse.

Da un po’ quindi cerco sul web se nel mondo succede qualcos’altro a parte il Coronavirus, perché se non ci informiamo veramente da soli non ci informerà nessuno. Ebbene sì, nel mondo succedono ancora tante cose. Voglio però soffermarmi sulle belle notizie, perché sarà pure in corso una pandemia mondiale che ci butta tutti giù, ma ci sono anche motivi per essere positivi, per non smettere di cercare la bellezza, le cose buone.

La prima cosa bella che mi viene in mente, oggi 6 Aprile, è che la primavera è finalmente arrivata. Almeno qui da me, nel mio paesino in Sardegna. Il sole splende alto, e se si ha la fortuna di avere un giardino, un terrazzo o un balcone, ma anche di potersi sedere davanti alla porta di casa, si può godere di un bellissimo sole, addirittura in magliettina a maniche corte e pantaloncini.

Ovviamente poi, se pensiamo alle cose belle e positive di questo periodo non possiamo non parlare del fatto che, grazie al lockdown in tanti paesi, l’inquinamento sta diminuendo drasticamente. Il mondo, la natura vivono e vanno avanti ignari del fatto che non ci siamo più non a disturbarli. Gli animali si riappropriano delle città: come i delfini nel porto di Cagliari, i fenicotteri e cigni a Milano, le anatre nelle acque di Venezia, gli scoiattoli arrivati a Città del Messico, un gregge di capre di montagna sceso a pascolare indisturbato nella città di Llandudno in Galles e così via. Se siete giù di morale e volete risollevare il vostro umore, potete ammirare una serie di foto di alcuni animali nelle città del mondo a questo link:  https://tg24.sky.it/ambiente/photogallery/2020/04/02/coronavirus-animali-citta.html#3.

Un’altra bella notizia è che il Madagascar, per festeggiare i suoi sessant’anni di indipendenza ha deciso di piantare 60 milioni di alberi, nella speranza di far rinascere le foreste dell’isola. La campagna è cominciata il 19 gennaio e il presidente, Andry Rajoelina, ha affermato che il governo vuole far ridiventare il Madagascar un’isola verde, incoraggiando le persone a proteggere l’ambiente e riforestare l’isola a vantaggio delle generazioni future.

Se ci spostiamo negli Stati Uniti, e più precisamente in Colorado, scopriamo che il 23 marzo il governatore Jared Polis ha finalmente abolito la pena di morte, pratica crudele e disumana ancora troppo presente. Il Colorado è il ventiduesimo Stato degli USA ad aver abolito la pena capitale e in tutti gli Stati Uniti le esecuzioni sono ai minimi storici. Nel mondo sono 160 i paesi in cui da più di 10 anni non si verifica un’esecuzione e si spera che la tendenza continui così.

In Sierra Leone è stato abolito un decreto del 2010, entrato in vigore nel 2015, che impediva alle ragazze incinte di frequentare la scuola e sostenere esami. La Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale ha stabilito che il decreto violava i diritti umani e ha ordinato al paese di costituire dei programmi per aiutare le ragazze in gravidanza a tornare a scuola.

Il ministro dell’educazione ha dichiarato che “il rovesciamento del divieto è il primo passo per costruire una Sierra Leone radicalmente inclusiva, dove tutti i bambini – a prescindere da classe, etnia, disabilità, genere, stato parentale o riproduttivo – possano vivere e studiare in sicurezza e con dignità”.

Quindi sì, qualcosa di bello succede ancora; anche se non lo sappiamo, anche se magari nello stato attuale delle cose queste notizie passano un po’ in sordina perché siamo più preoccupati per la nostra salute e il nostro futuro. Distrarci però può esserci d’aiuto e se possiamo farlo con qualcosa di buono, perché non farlo?

Ci sono vari siti che pubblicano buone notizie, tra cui Amnesty International che ha una sezione apposita nel suo sito. O semplicemente vi basterà scrivere “good news” su Google: lì troverete di tutto.

https://www.theguardian.com/global-development/2020/mar/31/sierra-leone-lifts-ban-on-pregnant-girls-going-to-school-but-shutdown-expected, https://tg24.sky.it/mondo/2020/03/24/usa-colorado-abolisce-pena-di-morte.html, https://www.amnesty.it/colorado-usa-ufficialmente-abolita-la-pena-di-morte/, https://news.mongabay.com/2020/01/madagascar-launches-massive-planting-drive-eyes-60-million-trees/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...